“Mezzo litro e na palletta”, così, pe ride, pe scherzà..

Standard
“E’ la gente che non sà scherzare”. Quanto è vero, anzi, io aggiungerei che la gente non sa PIU’ scherzare. Er monno d’oggi è fatto de pensieri, de preoccupazioni, e se scordamo quanto ce mancano i sorrisi, quanto ce farebbero bene. Io mi nonno, sia l’uno che l’altro, non l’ho mai conosciuto, o meglio, l’ho conosciuto solo dai racconti de mi padre o de mi madre, che ne parla tutt’oggi come se se lo rivedesse davanti, e quanno racconta c’è sempre da ride, o da rimpiagne de nun’esse nato un pò prima pe vedè quell’occhi boni che oggi posso vedè solo in fotografia. Me manca, pure se nun l’ho visto mai, perchè pure se nun l’ho visto l’ho sentito, ogni tanto me sò immaginato l’abbracci che m’avrebbe dato, e l’ho sentiti addosso, davero. Ma piu de tutto me sò immaginato quanti sorrisi m’avrebbe regalato, che non l’avrebbe fatto nemmeno apposta pe vedemme ride ma proprio perchè c’aveva er tipo, e un pò me ce rivedo, m’ha levato quarche sorriso andandosene così presto, è vero, ma ha insegnato a mi padre quanto è importante ride pure se hai pianto parecchio, e anche se pe vie traverse me l’ha insegnato pure a me. Bisogna abbraccià, bisogna ride, bisogna imparà a scherzà, nun famo ste cazzate, che poi quanno te guardi indietro, t’accorgi che nun hai riso mai, che nun hai mai abbracciato, diventi ancora piu triste e sottovoce te dici “Che stronzo”.